DISTURBI E PATOLOGIE

 Disturbi-e-patologie

Prevalenza del BPD nella popolazione

disturbo borderline personalitaQuanto è frequente il Disturbo Borderline di Personalità? Risposta:Il Disturbo Borderline di Personalità (BPD) non è un disordine raro. Interessa circa il 2 per cento della popolazione. Nelle cliniche psichiatriche, ovviamente, il tasso di prevalenza è molto più alto! Circa 15 – 20 per cento dei ricoverati psichiatrici e circa 10 per cento dei pazienti esterni degli ambulatori psuchiatrici hanno un Disturbo Borderline di Personalità. Questo disturbo di personalità è molto comune sia fra gli adulti che fra gli adolescenti e i giovani, con i più alti tassi di incidenza nella fascia di età compresa fra 18 e 35 anni. (altro…)

Fattori eziologici del BPD

disturbo borderline

Eterogeneità eziologica e patogenetica del DBP.

I fattori eziopatogenetici coinvolti nell’insorgenza del disturbo borderline di personalità erano ricercati in una prospettiva restrittivamente psicologica, sino circa venti anni fa.
Secondo Masterson e Rinsley (22) per esempio, la psicogenesi del DBP era dovuta alle madri che interferivano con i bisogni dei propri figli, impedendo loro di raggiungere una condizione di autonomia emotiva e di matura individualizzazione. (altro…)

Senza mezze misure: ira e vita spericolata

rabbia iraIra / vita spericolata

Gli iracondi, nella psichiatria moderna hanno un nome anglo-italiano: personalità borderline. Sia chiaro fin da subito: come sempre in psicologia si deve distinguere tra l’episodio di ira occasionale, che può benissimo essere giustificato sul piano oggettivo, e che entro certi limiti è sbagliato reprimere, e una struttura di personalità tale per cui si scatta alla minima provocazione. Sempre. (altro…)

Dignosi del disturbo borderline di personalità

disturbo borderline personalitàLe caratteristiche essenziali del Disturbo Borderline di Personalità sono una modalità pervasiva di instabilità delle relazioni interpersonali, dell’autostima e dell’umore, e una marcata impulsività, che iniziano nella prima età adulta e sono presenti in una varietà di contesti.

Gli individui con Disturbo Borderline di Personalità compiono sforzi disperati per evitare abbandoni reali o immaginati (Criterio 1). La percezione della separazione o del rifiuto imminenti, o la perdita di qualche strutturazione (altro…)

Tossicodipendenza e disturbo borderline di personalità

eroina preparazioneIl titolo del tema trattato necessita di una precisazione. Ci troviamo di fronte alla enunciazione di un nesso, fra disturbi dipersonalità e tossicomania, che è opportuno a nostro parere considerare giustificato solo dall’intenzione di farne uso come ipotesi di lavoro.
In questo modo viene introdotto in questo titolo un carattere di provvisorietà che richiama costantemente a un compito di verifica.
Questo lavoro nasce quindi con lo spirito di esplorare alcuni aspetti che possono giustificare l’esistenza di questo nesso. (altro…)

Teorie dell’attaccamento ed interventi terapeutici nel BPD

split personalityI rapporti tra mente e cervello sono oramai indiscussi; per questo motivo è sempre più importante una collaborazione integrata tra scienze psichiatriche e scienze psicologiche.

Relazione terapeutica e di aiuto col paziente borderline

La relazione terapeutica col paziente borderline implica una strategia di intervento che tenga conto delle teorie dell’attaccamento.
Nel secondo anno di vita il bambino è alla ricerca di caregivers, cioè di (altro…)

Disturbo ossessivo-compulsivo (DOC o OCD)

ossessivo compulsivoIl disturbo ossessivo compulsivo è inserito nel DSM-IV all’interno della categoria dei disturbi d’ansia, insieme al disturbo da attacchi di panico, le fobie, il disturbo post-traumatico da stress ed il disturbo d’ansia generalizzato.

I criteri diagnostici suggeriti dal DSM-IV prendono in considerazione cinque punti: (altro…)

Disturbi psicosomatici

disturbi psicosomaticiLe sindromi psicorganiche

Sono patologie che causano alterazioni delle funzioni cognitive ed hanno una chiara e certa origine biologica (danno rilevabile per mezzo di indagini cliniche e strumentali). Le cause sono generalmente multifattoriali: esse prevedono una forte componente genetico-ereditaria sulla quale vanno ad incidere fortemente fattori ambientali quali l’abitudine al fumo, (altro…)

Disturbi d’ansia

ansiaL’ansia è un affetto, per quanto sgradevole, di comune riscontro in particolari situazioni della vita umana di chiunque ed in quanto tale del tutto fisiologico (situazioni che creano tensione, paura, preoccupazione). Il termine ansia deriva dalla parola angére, “stringere”, e la sua etimologia è simile a quella di parole come angina ed angoscia, richiamanti il senso di soffocazione, costrizione, respiro affannoso, ecc.. (altro…)