DROGHE

Droghe

Giovani e rischio: tra la ricerca del piacere e la mancanza di obiettivi

Droghe giovani adolescentiDi Antonio Floriani *

Ibiza, Istituto Policlinico: giovani provenienti da tutto il mondo (e anche dall’Italia) ricoverati con arti fratturati – quando va bene – dopo aver fatto balconing dalla camera dell’albergo: un tuffo nella piscina, dal terrazzo del 3°, 4°, 5° piano dell’edificio. Oppure il flambè (vaporizzare un liquido infiammabile sul corpo ed incendiarlo), il chocking game (gioco dello strangolamento) su di sé o su altri. (altro…)

Quando lo sballo sballa: uso di sostanze e disturbi psichici

stress-giovanile-adolescenzaDi Antonio Floriani *

Appare ancora sottovalutato e spesso ignorato il rapporto tra consumo di sostanze ed insorgenza di problematiche psicologiche o disturbi psichiatrici. La comunità scientifica si è infatti maggiormente concentrata, da alcuni anni, a dibattere sul rapporto di causalità tra le due condizioni (uso di droghe e malattia mentale) tralasciando, in parte, la divulgazione di quanto sia frequente questa realtà. (altro…)

L’iniziazione all’uso di droghe: connessioni tra aspetti socio-economici ed emotivo-relazionali

Giovani e droghe, sostanze d'abusoDi Antonio Floriani *

La spinta al consumismo dell’attuale società favorisce la canalizzazione dei vissuti emotivi ed affettivi personali, suggerendone il controllo, la modulazione, la conversione o, molto spesso, la loro inibizione. Parallelamente a quanto succede a livello sociale con il consumismo, anche l’individuo è impegnato in un’irrefrenabile corsa volta a soddisfare, in modo pressoché immediato, i propri bisogni. (altro…)

Nuove tossicità: i cambiamenti nel panorama del consumo di sostanze e dei comportamenti d’abuso

Eroina inalataDi Antonio Floriani *

Ricordo ancora l’interesse col quale, assieme ai compagni di avventura di allora, partecipai al convegno sulle “nuove droghe” tenuto da uno dei massimi esperti in materia. Correva l’anno 1999 e l’argomento più gettonato era quello dell’ecstasy, l’MDMA, delle smart-drugs dai nomi, dai colori e dalle forme accattivanti, (altro…)

Allucinogeni – acidi – LSD

lsd assunzioneCon il termine allucinogeni si fa riferimento ad un gruppo di composti che alterano lo stato di coscienza ma non inducono delirio, sedazione o indebolimento delle facoltà intellettive e della memoria. La maggior parte delle sostanze definite allucinogene non suscita vere allucinazioni ma percezioni distorte. Le allucinazioni sono infatti percezioni sensoriali che sorgono da sole in assenza di uno stimolo obiettivo esteriore, mentre le percezioni fallaci nascono dalla distorsione di qualcosa di presente che è visto o udito. (altro…)

Psicofarmaci

psicofarmaciPer psicofarmaci si identificano tutti quei farmaci che agiscono sul sistema nervoso centrale. Possono essere classificati in base al tipo di molecolea o all’effetto terapeutico. I più utilizzati sono: gli ansiolitici, gli antidepressivi e i neurolettici (o antipsicotici). A questi possiamo aggiungere i sali di litio, gli antiepilettici (frequentemente utilizzati come stabilizzatori dell’umore) e altri atipici, ovvero che si pongono a cavallo tra diverse classi farmacologiche. (altro…)

Cocaina e crack

consumo di cocainaLa cocaina è una droga di origine vegetale ad azione stimolante ed eccitante. Il principio attivo è contenuto nelle foglie della pianta di coca che cresce nelle aree geografiche del sud America, principalmente in Colombia e Bolivia. Essa viene estratta come pasta di coca per andare incontro a successive lavorazioni che la rendono inalabile o fumabile. (altro…)

Eroina e oppiacei

oppioGli oppiacei
L’eroina è una sostanza stupefacente semisintetica ottenuta dagli alcaloidi (principi attivi) naturali dell’oppio; di questi la morfina è la più rappresentata.
Si ricava dall’oppio grezzo, il succo lattiginoso estratto dalle capsule del “Papaver somniferum”. Si presenta come una polvere finissima o granulare di colore bianco, bruno (la più comune in Italia) o rossastro a seconda della purezza. (altro…)

Aspetti medico-legali

Aspetti legaliTossicodipendenza ed alcooldipendenza secondo la clinica – La criteriologia nosografica in psichiatria forense

Non sempre è possibile stabilire una netta demarcazione fra un quadro psicopatologico ed un altro, e che esistono forme intermedie, di passaggio, marginali, miste, in fase di evoluzione o di remissione, forme che esordiscono attraverso il reato, e forme che rendono talvolta impossibile incasellare per lungo tempo (altro…)