Disturbi schizoide e schizotipico di personalità

disturbo schizoide personalità e schizotipicoDISTURBO SCHIZOIDE DI PERSONALITA’
Le caratteristiche essenziali del  Disturbo Schizoide di Personalità sono una intrinseca difficoltà nello stabilire relazioni sociali e, soprattutto, un’assenza del desiderio di stabilirle, il che lo differenzia dal  disturbo evitante di personalità, che invece soffre per il suo isolamento.
Gli individui schizoidi appaiono indifferenti alle opportunità di stabilire o meno relazioni strette e non sembrano trarre alcuna soddisfazione dal far parte di una famiglia o di un altro gruppo sociale. Gli altri vengono considerati come intrusivi e poco gratificanti e le relazioni come instabili e indesiderabili. Questi individui sono descritti spesso come socialmente distaccati e isolati.
Le persone schizoidi strutturano la loro vita in modo da limitare le interazioni con gli altri, preferiscono passare il tempo da soli piuttosto che stare con altre persone e quindi scelgono particolari impieghi che richiedono un contatto sociale minimo.
Per la mancanza di capacità sociali e di desiderio per le esperienze sessuali, gli individui con questo disturbo hanno pochi amici stretti o confidenti.
Gli individui con disturbo schizoide spesso appaiono indifferenti all’approvazione o alle critiche degli altri e non sembrano interessarsi a ciò che gli altri possono pensare di loro. Hanno un’affettività ristretta non mostrando forti emozioni né positive né negative. Possono avere una particolare difficoltà nell’esprimere rabbia, anche in risposta ad una provocazione diretta, e ciò contribuisce a dare l’impressione che manchino di emozioni. Tali individui spesso reagiscono passivamente alle circostanze avverse e hanno difficoltà a rispondere appropriatamente ad eventi importanti della vita.
La terapia di questo disturbo è molto difficile, in quanto chi ne è affetto non ne riconosce la necessità e raramente richiede aiuto. Il confine con la schizofrenia è molto lieve e la diagnosi differenziale fra il disturbo di personalità e la psicosi è difficile.
DISTURBO SCHIZOTIPICO DI PERSONALITA’
schizotipicoLa caratteristica essenziale del Disturbo Schizotipico di Personalità è un quadro caratterizzato da isolamento sociale e comportamento insolito e bizzarro; gli aspetti più rilevanti sono le stranezze del pensiero che ruotano attorno a quattro temi:
1) sospettosità e ideazione paranoide (ad esempio, credere che gli altri complottino contro di loro);
2) idee di riferimento (cioè interpretazioni scorrette di eventi non correlati tra loro come se fossero collegati in modo significativo);
3) credenze bizzarre e pensiero magico (ad esempio possono sentire di avere il potere speciale di intuire gli eventi prima che avvengano o di leggere i pensieri degli altri);
4) esperienze percettive insolite (ad esempio, possono sentire la presenza di un’altra persona).
Poiché tali pazienti, di solito, non sono capaci di utilizzare l’intera gamma di affetti e di condotte interpersonali necessarie per riuscire nelle relazioni interpersonali, sembrano interagire con gli altri in modo inappropriato, rigido o limitato. Sono spesso considerati strani o eccentrici, vestono in modo trasandato e mostrano una disattenzione per le convenzioni sociali. Tale comportamento socialmente inadeguato contribuisce all’isolamento sociale.
Gli individui con disturbo schizotipico vivono come problematico l’avere a che fare con gli altri. Interagiscono con le altre persone quando devono farlo ma preferiscono stare per conto loro, poiché sentono di essere diversi. Sebbene vi possa essere una mancanza di desiderio per le relazioni (come nei pazienti con disturbo schizoide di personalità), è più probabile che l’isolamento sia la conseguenza di un’ansia sociale e di una sospettosità sulle intenzioni degli altri.
Il disturbo schizotipico di personalità deve il suo nome al confine, ancor più lieve rispetto al disturbo schizoide, che lo separa dalla schizofrenia conclamata. Queste persone, infatti, non presentano veri e propri deliri o allucinazioni, ma il loro contatto con la realtà è moderatamente compromesso e la logica del loro pensiero e quantomeno “strana” e non lineare.
TERAPIA
La terapia di questi due disturbi è molto difficile. Può avvalersi, seppur in parte, dei farmaci neurolettici utilizzati per la schizofrenia e le altri sindromi psicotiche e di un sostegno psicoterapeutico a lungo termine.
Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive