Doppia diagnosi – Comorbidità

GERARCHIA DIAGNOSTICA E RAPPORTO DI CAUSALITA’ NELLA DOPPIA DIAGNOSI

di Antonio Floriani

La comorbidità di due o più disturbi pone sempre il problema del rapporto che esiste tra di essi, ma la doppia diagnosi rappresenta una condizione particolare, soprattutto per le sue implicazioni terapeutiche.

Possono infatti verificarsi quattro possibilità:

1. L’associazione in comorbidità dell’assunzione di sostanze e di un disturbo psichiatrico è un evento casuale, cioè le due classi di disturbi hanno determinanti diverse ed indipendenti. Sul piano terapeutico ognuno dei due disturbi verrà trattato in modo specifico e differenziato, ma senza gerarchia di priorità ed importanza.

2. È presente un disturbo sindromico primario, i cui sintomi caratteristici rendono il paziente più recettivo e vulnerabile all’assunzione di sostanze. Il tipo e la disponibilità della sostanza possono indurre successivamente la comparsa di un disturbo da assunzione di sostanze; è questo il modello dell’automedicazione (vedi oltre spiegazione e caso clinico). Sul piano terapeutico l’asse portante dell’intervento diventa la cura del disturbo psichiatrico primario.

3. Vi è rapporto di causalità accertato tra assunzione di sostanze e comparsa di un quadro psicopatologico sindromico. I meccanismi di impatto della sostanza sul SNC sono il determinante principale, mentre i meccanismi alla base del disturbo sindromico sono slatentizzati dalle sostanze assunte, ovvero attivati in via secondaria. Sul piano terapeutico l’intervento principale è centrato sul disturbo da sostanze, mentre l’intervento collaterale avrà come obiettivo il quadro psichiatrico sindromico.

4. Il disturbo psichiatrico e la dipendenza da sostanze possono avere una serie di determinanti e concause comuni. Può essere ipotizzata quindi una matrice comune nei due tipi di patologie; la terapia sarà centrata proprio sul meccanismo patofisiologico comune.

Queste quattro possibilità possono essere riscontrate in tutti i casi dove viene effettuata una doppia diagnosi, con varia frequenza in rapporto alle associazioni possibili tra tipo di disturbo da assunzione di sostanze, tipo di sostanze assunte e tipo di disturbo psichiatrico concomitante.

Alcuni studi hanno affrontato il problema esplorando le più frequenti associazioni riscontrate nella doppia diagnosi: da questi studi si deducono alcuni criteri di massima per chiarire il rapporto di causalità nei casi in cui non sia chiaramente dimostrato.

Questi criteri sono: 1) la sequenza temporale, 2) la familiarità, 3) le caratteristiche del disturbo indotto, 4) il tipo di sostanza.

1. La sequenza temporale. I dati della ricerca e la clinica indicano che il tipo di disturbo che si è manifestato per primo nella storia del paziente ha buone probabilità di essere considerato come primario nell’ambito della doppia diagnosi. Per stabilire la sequenza temporale bisogna però tenere conto non solo dell’episodio attuale ma di tutta la storia clinica precedente, spesso caratterizzata da manifestazioni subsindromiche che possono precedere anche di molto la manifestazione conclamata del disturbo, ma di cui bisogna tener conto per effettuare una corretta doppia diagnosi.

2. La familiarità. In linea di massima, un’alta incidenza famigliare nei consanguinei di disturbi da uso di sostanze predispone per questi disturbi. Una predisposizione genetica per la dipendenza da alcool, come per il tabacco, è stata dimostrata in studi familiari, gemellari e di adozione.

3. Le caratteristiche del disturbo indotto. Le caratteristiche del disturbo psichiatrico di Asse I possono venire modificate dall’assunzione di sostanze in modo specifico in rapporto alla sostanza utilizzata. Ad esempio, l’uso-abuso di psicostimolanti in un disturbo depressivo può dare a quest’ultimo caratteri psicopatologici di tipo misto, l’abuso di sostanze tranquillanti può conferire una connotazione depressiva ad un disturbo d’ansia. Un sovradosaggio o un’assunzione prolungata di farmaci può indurre rilevanti modificazioni della sintomatologia di base. Se un episodio psicopatologico sindromico si esaurisce con la sospensione della sostanza, esso va considerato secondario rispetto alla diagnosi principale di disturbo da assunzione di sostanze. Come è riportato nel DSM-IV, i sintomi che persistono per più di 4 settimane dopo la cessazione di un’intossicazione acuta o dopo la sospensione dovrebbero essere considerati manifestazioni di un disturbo psichiatrico indipendente e pertanto non indotto da sostanze.

4. Il tipo di sostanza. Nel DSM-IV sono riportati due disturbi dove l’unica causa è legata all’assunzione di sostanze. Questi sono due disturbi specifici, il cui quadro clinico si sovrappone ad un’eventuale psicopatologia preesistente: intossicazione da sostanze e astinenza da sostanze. I relativi quadri clinici sono relativamente specifici per ogni sostanza e sono in genere facilmente diagnosticabili.

 


Website Pin Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google StumbleUpon Premium Responsive